Tutti lo hanno mangiato almeno una volta nella vita e tutti conoscono il suo nome. Di che cosa si tratta? Dell’hamburger! Uno dei piatti più famosi di sempre e, forse, il panino per eccellenza da ormai tantissimo tempo. È arrivato in ogni angolo del mondo, grazie anche alle catene di fast food, e oggi lo possiamo provare con talmente tanti condimenti e salse diverse che è impossibile non trovarne uno in grado di soddisfare anche il palato più difficile. Dal classico al gourmet, l’hamburger ha conquistato il cuore di tanti chef, diventando uno dei piatti più amati anche nella quotidianità.

Ma qual è l’origine dell’hamburger? Che viaggio ha fatto questa polpetta piatta di carne macinata servita tra due fette di pane? Mettetevi comodi, ve lo raccontiamo noi di Todis!

Origine hamburger: chi l’ha inventato?

Facendo un salto indietro nel passato, esattamente nel 1891 nella città di Amburgo in Germania, troviamo un cuoco tedesco, Otto Kuasw, alle prese con una nuova tecnica di cucinare la salsiccia. Otto aveva deciso di levare la salsiccia dal suo budello per poi appiattirla e cuocerla nel burro. Il passo davvero rivoluzionario fu, però, quello successivo: inserire la salsiccia appiattita tra due fette di pane, aggiungendo anche un uovo all’occhio di bue. Secondo delle ricostruzioni storiche miste ad un po’ di leggende, questo panino così goloso, conosciuto con il nome “Deutsches beefsteak”, aveva cominciato a diventare popolare tra i lavoratori e i marinai del porto di Amburgo, in quanto era un pasto veloce ma in grado di saziare anche la fame più vorace. Questo panino non poteva limitarsi al solo porto di Amburgo e così cercò di sbarcare in America! Ma come riuscì in questa impresa? A quanto pare, nel 1894 alcuni marinai del porto di Amburgo, al tempo il principale sbocco portuale della Germania, una volta arrivati a New York, avrebbero raccontato dei favolosi panini fatti dal cuoco Otto Kuasw. Gli chef di zona, per conquistarsi la clientela straniera, cominciarono a riproporre questo panino, modificandolo a proprio gusto e aggiungendo quel tocco americano in più. La ricetta cominciò così a diffondersi in tutti gli Stati Uniti con il nome di “Hamburger Steak”, ovvero “la bistecca di quelli di Amburgo”.

Origine hamburger: il primo panino.

Origine hamburger - Chi ha inventato l'hamburger
Un’altra teoria molto accreditata vuole come protagonista della storia dell’hamburger non il cuoco tedesco Otto Kuasw ma l’americano Louis Lassen e il suo locale Louis’ Lunch Wagon, aperto nel 1895 a New Haven nel Connecticut. La storia narra che un giorno, nel 1990, un cliente del ristorante aveva molta fretta e per questo motivo desiderava mangiare un pranzo piuttosto veloce.

Lassen allora prese dei rimasugli di bistecche, li macinò tutti insieme e, dopo averli compattati e appiattiti, li mise tra due fette di pane, così che il cliente potesse portarsi via il suo pasto e mangiarlo anche mentre camminava. Questa idea fu rivoluzionaria: il cliente rimase talmente stupito in modo positivo del panino che Lassen decise di strutturare una vera a propria ricetta. Una ricetta che continuò a modificare e a perfezionare nel corso degli anni a seguire. La storia di Lassen è ufficialmente riconosciuta, tanto da essere citata dal Library of Congress: Louis’ Lunch Wagon viene indicato infatti come il primo posto in cui è stato venduto un hamburger nel 1900.

Entrambe le versioni del tedesco Otto e dell’americano Louis sono molto avvincenti, ma la vera ascesa di questo piatto, ad oggi così amato, è avvenuta soprattutto grazie al diffondersi delle catene di fast food in tutto il mondo che hanno introdotto come piatto principale del loro menù proprio l’hamburger. Nel tempo, l’immagine di pasto semplice e veloce che poteva essere mangiato senza l’uso delle posate si diffuse a macchia d’olio e l’hamburger divenne così il piatto perfetto per i giovani.

Ricetta hamburger

Origine hamburger - Il primo hamburger
Ma come si prepara un buon hamburger? Mettetevi il grembiule e facciamolo insieme!

Il primo passo fondamentale è la scelta della carne: deve essere appena macinata, con una buona dose di grasso e, ovviamente, deve essere di qualità. Il classico bovino adulto è perfetto! Da Todis trovi una selezione di hamburger di carne bovina perfetti per preparare dei panini con i fiocchi.

Una volta selezionata la nostra carne, possiamo cuocerlo in padella o alla griglia con un pizzico di sale. Terminata la cottura dell’hamburger, possiamo occuparci del pane. Scaldiamo le due fette e al suo interno mettiamo tutti gli ingredienti che preferiamo: insalata, formaggio, pancetta, pomodori, maionese, salsa barbecue. Infine, aggiungiamo il nostro hamburger e serviamo con patatine fritte! Facile, no?

Buon appetito da noi di Todis!

TAG: Ricette

Condividi su