ROMA (ITALPRESS) – La pandemia ha determinato una riduzione media del 35% negli screening e già ora oltre 3.000 delle 56.000 donne che affronteranno un tumore del seno in Italia nel 2021 arriveranno alla diagnosi più in ritardo. Anche le cure sono state fortemente rallentate e rese più difficili. C’è bisogno quindi di un impegno straordinario ed è in quest’ottica che la Komen Italia ha scelto di rafforzare le proprie attività per dare risposte concrete all’emergenza sanitaria da Covid- 19.
Solo unendo le forze si può vincere una sfida così impegnativa: da qui il claim “Insieme più forti” scelto per questo nuovo impegno, al quale hanno già assicurato la loro adesione Città Metropolitana di Roma Capitale e altre istituzioni, oltre Fondazione Johnson&Johnson, Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale, Procter&Gamble, Pfizer, Aveeno, Autostrade per l’Italia, Todis e Fidal.

Continua a leggere >

TAG:

Condividi su