Si vocifera di novità in casa Todis, ma il riserbo dell’insegna, attiva in 11 regioni del Centro-Sud Italia, è ancora totale. Di certo si sa che è nelle intenzioni incrementare la presenza in particolare nei centri urbani, presidiando il contesto di Napoli, con la sua area metropolitana, oltre che quelli di Palermo e Bari. Un piano che fa seguito all’ottimo posizionamento ottenuto in regioni come Umbria, Lazio e Abruzzo, dove Todis si colloca tra i primi tre operatori del mercato. E lo fa grazie a una formula che sta tra il supermercato di prossimità  e il discount, basata su un assortimento impostato sulla marca del distributore: circa 2mila referenze, che incidono per il 75% sul fatturato, mentre la percentuale restante è frutto quasi completamente di marchi in esclusiva o di fantasia. Secondo quanto dichiarato dall’azienda, questo approccio consente di far risparmiare il 30% rispetto a un normale supermercato. Un messaggio veicolato dal claim ‘Buongiorno convenienza’.

Continua a leggere >

Condividi su