Frutta di stagione: cosa mangiare in estate e perché?

Frutta di stagione: cosa mangiare in estate e perché?

Da sempre gli esperti raccomandano di preferire verdura e frutta di stagione a tutti gli altri prodotti disponibili sul banco, evitando magari ciliegie a dicembre o viceversa prodotti tipicamente invernali durante il periodo estivo.

 

Il primo motivo, più evidente, è il risparmio economico, in quanto la crescita spontanea degli alimenti comporta ovviamente un abbattimento dei costi di produzione, che si riflette sul prezzo di vendita. Ma il vero motivo per il quale è importante, oltre che conveniente, preferire questo tipo di prodotti è legato alla salute.

 

Se è vero che la crescita di alcuni alimenti è spontanea in determinati periodi dell’anno, ne consegue che essi richiedano un uso marginale se non nullo di pesticidi o prodotti chimici che ne incentivino la maturazione eliminando i parassiti. Inoltre, le piante che seguono il normale ciclo di vita conservano una quantità superiore di nutrienti e principi attivi, per questo sia il gusto che le proprietà nutrizionali dei cibi risultano inalterati, a beneficio della salute di chi li ingerisce.

 

Infine, la scelta di verdura e frutta di stagione ha effetti positivi anche sull’impatto ambientale: la produzione di alimenti al di fuori della loro stagionali ha un costo ambientale molto elevato, derivante dall’utilizzo di serre riscaldate, illuminazione artificiale e grande dispendio energetico; senza contare i costi dei trasporti, in caso di prodotti importati dall’estero.

 

Quindi, quali sono le verdure e la frutta di stagione in estate?

Grazie ai colori vivaci e brillanti delle sue bucce, la frutta di stagione in estate è proprio il simbolo più riconoscibile del periodo. Tra giugno e settembre possiamo gustare ciliegie, fragole, fichi, albicocche, nespole, susine, pesche, anguria, melone e frutti rossi. La maggior parte di questi frutti possiede una polpa molto dolce, un altissimo contenuto d’acqua ed esiguo apporto calorico; caratteristiche che li rendono gustosi, leggeri e rinfrescanti allo stesso tempo. Privi di colesterolo e sodio, inoltre, rappresentano una merende perfetta per tenere testa alle alte temperature.

 

Oltre alla frutta di stagione, vi è poi la verdura. Di questi tempi possiamo trovare: bietole, melanzane, peperoni, zucchine, pomodori, cetrioli, lattuga e cicoria. Il cetriolo, in particolare, è perfetto per una dieta ipocalorica, in quando l’acido tartarico contenuto al suo interno contrasta la trasformazione dei carboidrati in tessuto adiposo. La lattuga è tra le verdure più consumate in questo periodo perché fresca e croccante, composta al 95% di acqua, ricca di fibre e vitamine. Melanazane, peperoni e pomodori sono tra i prodotti più utilizzati in cucina, contorni freschi e molto saporiti, che donano colore e gusto ad ogni piatto cui si accompagnano.