La festa di San Patrizio nasce in Irlanda per rendere omaggio al Santo patrono dell’isola. Oggi la sua ricorrenza viene festeggiata in tutto il mondo con parate, balli di tradizione celtica e fiumi, fiumi di birra. Ma… sei sicuro di conoscere tutto su questa ricorrenza? Scopriamo insieme tutto quello che non sapevi su San Patrizio!

Chi era San Patrizio

Della vita del Santo conosciamo poco. Patrizio nacque in Scozia intorno al 387 d.C. da una nobile famiglia di origini romane da parte di padre. All’età di 16 anni però fu rapito dai pirati e venduto come schiavo ad un pastore irlandese. Da qui il suo trasferimento in Irlanda. Fortunatamente però egli riuscì a fuggire e, dopo varie peregrinazioni, nel 432 circa tornò in Irlanda come vescovo, convertitosi al cristianesimo.

Proprio in Irlanda infatti iniziò la sua opera di conversione del popolo dal paganesimo al cristianesimo, seguendo le volontà di Papa Celestino. La sua opera fu talmente grandiosa che Patrizio divenne ben presto un eroe nazionale, oltre che patrono.

Mito, leggenda e simbologia

La ricorrenza di San Patrizio nasce nel decimo secolo e affonda le sue radici nel libro di Armagh dove venne prescritto ai monaci irlandesi di onorare il Santo con tre giorni e tre notti di festa ad ogni primavera. Da allora, il 17 Marzo in Irlanda e in tutto il mondo si celebra il St. Patrick’s Day.

Oggi la festa di San Patrizio è nota in tutto  mondo grazie soprattutto ai tantissimi irlandesi che hanno lasciato il Paese in cerca di fortuna e che hanno fatto conoscere questa ricorrenza. Il momento più atteso della festa infatti, ossia la parata, non è nata a Dublino bensì a Boston nel 1737. E questo per mano di alcuni emigrati e alla loro voglia di sentirsi più vicini al loro paese d’origine.

Attorno alla figura del Santo, nel corso dei secoli, sono nate moltissime leggende e una specifica  e tradizionale simbologia. Vediamo insieme le più famose:

  • Il trifoglio

Tra il corredo simbolico legato al Santo rientra sicuramente il trifoglio. Il trifoglio infatti, simbolo per antonomasia della sua celebrazione, sarebbe il mezzo che S.Patrizio avrebbe utilizzato durante una predicazione ai Celti per spiegare ai suoi nuovi fedeli il dogma della trinità (tre foglie originanti da un unico stelo).

  • Il verde

Per i cattolici il verde è sicuramente legato al trifoglio usato da San Patrizio per spiegare agli irlandesi il mistero della Santissima Trinità quando cercava di convertirli al cristianesimo. Ricordiamoci poi che l’Irlanda è anche nota come “L’isola di smeraldo” per i suoi vasti e tipici paesaggi verdeggianti. Inoltre, c’è anche l’origine pagana del colore verde, ed è forse quella che si è diffusa maggiormente: gli elfi, figure mitologiche non legate direttamente al Santo ma certamente appartenenti al folclore irlandese.

  • Il pozzo di San Patrizio

Sembra che Patrizio fosse custode di una grotta senza fondo, l’ormai famosissimo Pozzo di San Patrizio. La leggenda narra che da quel pozzo, dopo aver visto le pene dell’inferno si poteva accedere al Purgatorio e si riusciva persino a intravedere il Paradiso. La grotta, dopo essere stata murata per volere di Alessandro VI nel 1497, era localizzata su un isolotto del Lough Derg. Lì venne costruita una chiesa, ancora oggi meta di pellegrinaggio per molti fedeli.

  • La croce celtica

Quando S. Patrizio tornò in Irlanda per evangelizzare il Paese non cercò mai di far dimenticare ai Celti le loro credenze. Al contrario si impegno nell’unione della nuova fede cristiana con la loro simbologia. S. Patrizio aggiunse il sole, potente simbolo celtico, alla croce cristiana, per facilitare l’assimilazione di tale icona. E da qui nacque la “Croce Celtica”

  • La birra

Bisogna ricordarsi che giorno della sua festa, il 17 Marzo, cade proprio a metà della Quaresima ed era per questo l’unico giorno in cui si poteva essere liberi dalle restrizioni pre-pasquali sancite dalle tradizioni cattoliche. Un giorno in cui festeggiare quindi, divertirsi, mangiare e soprattutto bere. E ciò, ovviamente, tutto in onore di San Patrizio. E cosa bere in Irlanda se non la birra? Ecco svelato perché la birra quindi, bevanda nazionale irlandese, rimane ancora oggi il simbolo principalmente associato al Santo Patrono. Ma attenzione, non parliamo di una birra qualsiasi. La birra originariamente legata al St. Patrick’s Day era la birra di colore verde, simbolo della causa indipendentista irlandese.

Come festeggiare San Patrizio

Quest’anno non è facile immaginare una tale celebrazione a causa del delicato periodo storico che stiamo attraversando. Ciò nonostante, non dobbiamo per forza rinunciare ad un buon boccale di birra. E, visto che parliamo sicuramente di un modo alternativo di celebrare questa festività… perché non optare per un San Patrizio casalingo? Per questo da Todis puoi trovare una selezione di birre perfette per trascorre una serata domestica e assolutamente sfiziosa, come quelle italiane dal sapore autentico de L’Arte delle Specialità, prodotte dai mastri birrai secondo tradizione o quelle a marchio Spoken Beer Classica, come la Birra Chiara e quella Extra Forte. Ma la nostra selezione non finisce qui. Nei punti vendita Todis ce n’è davvero per tutti i gusti!

Ora che sai tutto su questa festività, non ci resta che augurarti di trascorrere un sereno San Patrizio!

Se ti è piaciuto questo articolo non perderti:

Se invece non vuoi perderti le ultime notizie, segui il nostro blog.

Condividi su