Oggi 17 Gennaio si celebra la Giornata Mondiale della Pizza 2020 dedicata a uno dei cibi simbolo dell’Italia e ai suoi produttori. In questo stesso giorno, non a caso, viene reso omaggio anche a Sant’Antonio Abate, protettore dei fornai e dei pizzaioli: anticamente in questa data, le famiglie napoletane chiudevano le pizzerie per mezza giornata e si recavano in un ristorante a Capodimonte per accendere insieme un falò propiziatorio.

Come nasce la Regina Margherita

Giornata Mondiale della Pizza - La storia di un piatto unicoLa storia più comune sulle origini della pizza Margherita vuole che nel 1889 il proprietario della pizzeria Brandi, il cuoco Raffaele Esposito ideò questo delizioso piatto per onorare la regina d’Italia Margherita di Savoia. A dare valore a questa credenza ci sono gli ingredienti che vennero scelti che ricordano proprio i colori della bandiera italiana: pomodoro, mozzarella e basilico fresco.

Secondo alcune scoperte recenti, però, questa storia potrebbe essere un “falso storico”. La realtà sembrerebbe essere un’altra. La Regina delle pizze avrebbe origini ben più antiche del 1889 e il suo nome deriverebbe dall’omonimo fiore: la mozzarella, sembra che venisse tagliata a spicchi e disposta sulla pasta a formare dei petali bianchi. In più pare che il suo nome fosse addirittura “fior di margherita”.

Dichiarata oggi dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, fare la pizza è sicuramente questione di esperienza, professionalità ma soprattutto cuore. Per elogiarla nel migliore dei modi l’unica cosa da fare è quindi mettere “le mani in pasta” e sfornare una speciale pizza fatta in casa.

Come preparare la Pizza Margherita

L’impasto

Giornata Mondiale della Pizza - La storia di un piatto unico

Ingredienti

  • 500 g di Farina 00
  • 7 g di lievito di birra fresco
  • 10 g di olio EVO
  • 350 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 8 g di sale

Procedimento

  1. Prendete due bicchieri e riempiteli con dell’acqua a temperatura ambiente
  2. In un bicchiere fate sciogliere il lievito, nell’altro il sale.
  3. Mettete in una ciotola la farina setacciata e versate l’acqua contenuta nei bicchieri a più riprese, continuando a mescolare in modo che venga assorbita dalla farina.
  4. Versate l’olio extravergine di oliva sempre continuando a mescolare
  5. Coprite la ciotola con un foglio di pellicola trasparente per alimenti e lasciatela lievitare per almeno 3 ore a temperatura ambiente (26-28°).

Il condimento

Ingredienti

Procedimento

  1. Dividete l’impasto in 4 panetti uguali e date ad ognuno una forma circolare
  2. Fate sgocciolare bene la mozzarella tagliata a fette
  3. Allargate il primo panetto con i polpastrelli, partendo dal centro e proseguendo verso l’esterno, cercando di mantenere la forma circolare e il bordo leggermente più spesso.
  4. Ungete la teglia per pizza con un filo d’olio e posizionatevi la pasta appena lavorata.
  5. Condite con parte dei pomodori, il sale ed un filo d’olio.
  6. Informate la pizza margherita a 250° per circa 15 minuti, sfornatela e aggiungete qualche fogliolina di basilico coperte dalle fette di mozzarella ben asciutte.
  7. Rimettete in forno per altri 5 minuti, fino a quando la mozzarella non sarà fusa.

Servite calda..e Buon Appetito!

Condividi su