Il modo migliore per fare il pieno di energia e vitamine è senz’altro quello di nutrirsi seguendo il normale ciclo della natura. Questo, tradotto in cucina, vuol dire badare alla stagionalità degli alimenti che consumiamo. Consumare regolarmente frutta di stagione infatti apporta notevoli benefici sia al nostro organismo che all’intero ecosistema, oltre ad essere una scelta particolarmente economica. Ma esattamente, quali sono i benefici della frutta di stagione? Scoprilo con Clivietta!

I 5 benefici della frutta di stagione

Per mantenersi in salute e fare il pieno di energia e vitamine, non c’è nulla di meglio che mangiare tanta frutta. In qualsiasi stagione, la frutta è un alimento indispensabile per la salute del nostro organismo.  Portare avanti una corretta e adeguata alimentazione però, vuol dire anche badare alla stagionalità degli alimenti che consumiamo. I benefici frutta di stagione sono tanti.  Innanzitutto la frutta di stagione ti offre il campionario completo delle vitamine che servono al tuo organismo per affrontare al meglio quel preciso momento dell’anno. Un’alimentazione ricca di frutta inoltre può ridurre, se non addirittura eliminare, la necessità di assumere integratori, essendo molto ricca di sali minerali. Non da meno, ogni colore della frutta ti segnala la presenza di un preciso antiossidante. Ma le ragioni per cui scegliere di consumare frutta di stagione non finiscono qui.

Ecco i 5 grandi benefici della frutta di stagione:

  • Benefici della frutta di stagione: meno pesticidi

Tutti i prodotti della terra, non solo quelli biologici, se coltivati durante la propria stagione richiedono una quantità inferiore dei pesticidi usati solitamente per eliminare i parassiti. Ciò avviene perché le piante costrette a crescere in periodi diversi risultano debilitate e sono quindi più facilmente vittime di insetti.

  • Più salute per l’ambiente

Per rispettare la natura e l’ambiente bisogna iniziare dalla tavola, dalle piccole scelte che prendiamo quotidianamente, spesso senza accorgercene. Coltivare e quindi consumare frutta di stagione ne è un esempio importante. La coltivazione della frutta fuori stagione infatti risulta essere un fattore altamente inquinante per la terra, essendo un processo industriale che in quanto tale richiede l’apporto di energia artificiale per illuminare e riscaldare le serre. Inoltre la frutta fuori stagione viene spesso importata da altri paesi e questo produce un ulteriore inquinamento ambientale, quello creato dai trasporti. Al contrario quindi, scegliere di consumare frutta di stagione risulta essere una scelta che aiuta l’ambiente riducendo drasticamente i trasporti, i costi e l’energia artificiale impiegata.

  • Più salute per il consumatore

L’impossibilità della frutta fuori stagione di svilupparsi normalmente sulla pianta non le permette di arricchirsi dei nutrienti necessari all’uomo. Infatti quando la pianta viene raccolta nel momento giusto, dopo una crescita naturale, essa riesce ad arricchirsi dei vari nutrienti fondamentali per il nostro benessere. Per questo la frutta di stagione risulta più ricca di nutrienti e principi attivi, come vitamine e sali minerali. Inoltre acquistare frutta di stagione inoltre diminuisce le distanze di percorrenza e quindi la frutta continua a garantire un buon rapporto nutritivo, facendoci ancora più bene.

  • Più gusto

È facile notare come i prodotti fuori stagione non presentino un particolare gusto e sapore. Anche per questo è importante far seguire  alla frutta i suoi naturali di cicli di vita. La frutta di stagione non cresce in serra, non viene conservata in celle frigorifere e non deve fare lunghi viaggi per giungere sulle nostre tavole. Per questo la frutta di stagione è più genuina e, oltre ad essere un toccasana per il nostro organismo, è decisamente più saporita e gustosa.

  • Più convenienza

Sappiamo bene che la frutta fuori stagione, nella maggior parte dei casi, viene trasportata per chilometri e chilometri. Questo fa drasticamente aumentare i costi per il consumatore. Inoltre, non potendo usufruire della luce naturale e dovendo crescere in serra, necessita di un maggior consumo di energia aggiuntiva. E quindi maggior costo. Per questo consumare frutta di stagione è un ottimo modo per risparmiare, facendo del bene al nostro organismo, all’ambiente, al palato e non meno al nostro portafoglio.

Benefici della frutta di stagione: dicembre

Ora che abbiamo parlato di quali sono i benefici della frutta di stagione, vediamo insieme quale frutta poter gustare in questo mese di dicembre:

  • arance
  • bergamotto
  • cachi
  • castagne
  • clementine
  • cedri
  • pompelmi
  • limoni
  • mandarini
  • mele
  • melograno
  • kiwi
  • pere
  • pompelmi
  • uva

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a leggere Scegli il benessere insieme a Clivietta!

Se invece sei amante della frutta secca, leggi il nostro articolo dedicato.

 

Condividi su